Capsule Digitale

Song to Song 13: Everybody is a Star*

Avventure ossessive di un ascoltatore. Venti canzoni perfette, da Eno a Monteverdi, raccontate a cavallo tra musica e altre discipline da Gianluigi Ricuperati

Social Share

Psychedelic soul group ‘Sly & Family Stone’; (L-R) Sly Stone, Cynthia Robinson, Freddie Stone, Rosie Stone, Jerry Martini, Larry Graham, 1970 ca. Ph. Michael Ochs

Everybody is a Star, Sly and the Family Stone 1971

Posso sentirti, quando mi risplendi addosso.
In principio c’era il suono. In principio c’era la visione. In principio c’era una stella. In principio c’eravamo io e te. L’inno e successo di Sly and The Family Stone del 1971, “Everybody is a star“, era una celebrazione della possibilità di vivere, di coincidere con se stessi – i colori della differenza che regnano sui flussi di oscurità.
Nella soffusa atmosfera sax – acustica della canzone ogni singolo corpo diventa una stella – e si capisce la presenza di una stella quando si vede con clarità che la vita al suo peggio – il lunedì mattina della vita, per esempio l’impiegata di banca di mezza età che coltiva il suo piccolo potere umiliando chi in quel momento sta messo male in quanto ad affidabilità creditizia, o il farmacista calvo che non regala nulla a nessuno – è in realtà un purissimo esercito di ombre.
Quando la notte è più scura, il verde diventa violentemente verde, il rosso diventa violentemente rosso, il piccolo diritto diventa violentemente storto, e acuminato. In quella notte, la voce in falsetto e in coro che fa ‘pa-pa-pa- pa-pa-pa- pa-pa-pa – pa-pa-pa – pa -pa-paaaa’ e sfuma in ‘yeah yeah yeah verso l’alto, ecco, trasforma in senso luminoso anche il più indecoroso dei processi.

Le paillettes diventano piccoli corpi celesti, una trama di luci che brillano sulla e dalla superficie di qualcuno che è umano, troppo umano – in questa canzone miracolosamente si presentano eroi del passato appena passato ed eroine ancora di là da venire (ancora in tempo per non arrivare mai!). Sly evoca Diana Ross, una voce “Supreme”, ma pure il Miles Davis negli anni 1967-1975, quando veniva chiamato “sciamano elettrico”, e anche il coro baritonale dei musicisti del quartetto in ‘A love supreme’ di John Coltrane. Tutte le stelle d’Africa e d’America si danno appuntamento nella volta celeste di Sly.
La stella di cui canta Sly non è romantica, né cerca il romanticismo: è sensuale – sa dove cercare piaceri e gratificazioni – sa come sentire le luci che brillano su di lei, sotto la luce del giorno, dove le cupe sfumature cromatiche assorbono i raggi solari, e nei fili dell’oscuro, quando i colori si affidano a una miriade di specchi infinitesimali per emergere – per prendere vita, gloriosamente, dalla notte più profonda.

Brillare nel buio è un atto di magia che solo alcune creature possono compiere.

Quando ascolto ‘Eveybody is a star’ dimentico i lunedi della vita, e l’astiosa risata di chi ti vede affondare e ridacchia ‘ecco il fenomeno’. Ma anche il silenzio sdegnoso di chi non c’è mai. E pure il panciotto soddisfatto di chi ha sempre ragione e grida solo per sgridare gli altri. Quando ascolto ‘Everybody is a Star dico a Sly Stone: ‘Grazie per avermi permesso di essere di nuovo me stesso’, come si dice a un vestito fatto apposta per te.

Copertina dell’edizione di “Thank You (Falettinme Be Mice Elf Agin)”pubblicata nel dicembre del 1969 per la Label Epic 5-10555

Copertina del bootleg pubblicato in Thailandia nel 1970; Vinyl, 7″, 45 RPM

Testo

Everybody Is A Star

Everybody is a star
Who the rain, chase the dust away
Everybody wants to shine
Ooh, come out on a cloudy day
‘Til the sun that loves you proud
When the system tries to bring you down
Every hand to shine tonight
You don’t need darkness to do what you think is right, hee hee

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh
Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh,

Everybody is a star
I can feel it when you shine on me
I love you for who you are
Not the one you feel you need to be
Ever catch a falling star
Ain’t no stopping ’til it’s in the ground
Everybody is a star
One big circle going round and round

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, shine, shine, shine, shine

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, shine, shine, shine, shine

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh

Ba pa-pa-pa ba pa-pa ba ba ba pa-pa ba pa-pa ba pa-pa ba ba ba,
Ba-pa ba-pa ba ba, ooh, ooh, ooh, ooh, ooh